I Vigneti

 

C.da Zabbia

zabbia3.jpg

Comune di Monreale

F.M. 116  e  109                Ha  4,8 vitati

Caratteristiche morfologiche e podologiche:

L’azienda presenta una giacitura collinare, con una altezza compresa tra 380 m.s.l.m. nella zona pianeggiante limitrofa alla strada Provinciale fino ai 450 m.s.l.m. della punta più alta; la giacitura collinare presenta una pendenza media variabile dal 4 al 10%.

Dal punto di vista morfologico l’azienda è formata da un unico versante in pendenza con esposizione prevalente verso Sud-Ovest.

La tessitura argillosa, a reazione sub-alcalina, di buona struttura, mediamente provvisti di calcare, humus ed azoto, ricchi di potassio assimilabile, discretamente dotati di anidride fosforica totale.

La forma di allevamento  a controspalliera con densità d’impianto di 4400 piante/ha.

Il portainnesti utilizzato è il  1103 P .

Cultivar: NERO D’AVOLA.

Anno d’impianto: 2002.

La produzione delle piante viene aggiustata mediante diradamenti manuali, al fine di ottenere basse rese per ettaro.

La vendemmia avviene rigorosamente a mano, per le produzioni dei cru, in cassette di legno trasportate con mezzi a temperatura controllata, per la restante produzione sempre a mano e trasportata in cassoni
in acciaio inox della capacità massima di 40 q.li al fine di evitare schiacciamento degli acini ed inizio di fermentazioni.

La produzione media è di circa 60 hl/ha.

Azienda Assoggettata al biologico dal 2004

C.da Ginestra

ginestra2.jpg

Comune di Monreale

F.M. 91                Ha     25 di cui vitati  8

Caratteristiche morfologiche e pedologiche:

L’azienda è ubicata in montagna, ad una altezza compresa tra 700 e i 850 m.s.l.m., con pendenza variabile dall’1 al  8% ed esposizione prevalente verso Nord-Ovest.

Data l’altitudine durante il periodo vegetativo si ha una notevole escursione termica tra il giorno e la notte.

Dal punto di vista pedologico, presentano una reazione è sempre sub-alcalina, la percentuale di argilla varia dal 20 e il 25%, l’humus e l’azoto sono presenti in buona quantità, e sono mediamente provvisti di fosforo e ricchi di Potassio assimilabile.

Inoltre trattasi di suoli, con ottima potenzialità produttiva, con una certa quantità di scheletro che rende il terreno fresco, con notevole vantaggio per le piante.

La forma di allevamento è a spalliera con potatura a Guyot a diverse densità di impianto (3300, 4000 e 4400 piante/ha).

I portainnesti utilizzati sono:  1103 P, 779 R, 140 Ru a seconda delle caratteristiche della cultivar innestata.

La produzione delle piante, già bassa trattandosi di vigneti privi del supporto dell’irrigazione, viene aggiustata ulteriormente mediante diradamenti manuali, al fine di ottenere basse rese per ettaro.

Cultivar: nei vecchi impianti è presente il MERLOT, CHARDONNAY e GRILLO.

Anno d’impianto: Gli impianti più vecchi sono stati impiantati nel 1994, poi nel 2001 e 2004.

La vendemmia avviene rigorosamente a mano, per le produzioni dei cru, in cassette di legno trasportate con mezzi a temperatura controllata, per la restante produzione sempre a mano e trasportata in cassoni in acciaio inox della capacità massima di 40 q.li al fine di evitare schiacciamento degli acini ed inizio di fermentazioni.

La produzione media è di circa 40 hl/ha.

Azienda Assoggettata al biologico dal 1996

C.da Feotto

feotto.jpg

Comune di San Giuseppe Jato

F.M. 5   Ha  15,00 di cui vitati Ha 11,00.

Caratteristiche morfologiche e podologiche:

L’azienda è ubicata in collina, ad una quota tra gli 380 m.s.l.m. ed i 470 m.s.l.m., con pendenza media variabile dal 3 al 10%.

Dal punto di vista pedologico sono suoli con buona fertilità e tessitura, percentuale di argilla di circa il 25%-30%, con notevole presenza di scheletro che li mantiene permeabili e freschi. La reazione è sub-alcalina, l’humus è sempre presente in buone quantità, l’azoto difetta e lo stesso si può dire per il fosforo assimilabile, al contrario, sono mediamente provvisti di fosforo totale e ricchi di potassio assimilabile.

La forma di allevamento: è a spalliera con potatura a Guyot con densità d’impianto  di  4400 piante/ha.
I portainnesti utilizzati sono:  1103 P e 779 R.

Cultivar: MERLOT, CABERNET SAUVIGNON e FRANC, PETIT VERDOT e NERO D’AVOLA .

Anno d’impianto: 2001.
La produzione delle piante viene aggiustata mediante diradamenti manuali, al fine di ottenere basse rese per ettaro.

La vendemmia avviene rigorosamente a mano, per le produzioni dei cru, in cassette di legno trasportate con mezzi a temperatura controllata,  per la restante produzione sempre a mano e trasportata in cassoni in acciaio inox della capacità massima di 40 q.li al fine di evitare schiacciamento degli acini ed inizio di fermentazioni.

La produzione media è di circa 50/60 hl/ha.

Azienda Assoggettata al biologico dal  2002